Allarme Cna: prezzi triplicati, i fornai rischiano di chiudere

BOLOGNA Il caro-bollette può spegnere i forni cosicché producono pane artigianale. Nell’area metropolitana di Bologna ci sono quasi 200 imprese artigiane cosicché producono pane e con la sostanziale duplicazione dell’impatto energetico sui costi aziendali si stibensì, a fine anno, un 13% a rischio di non proseguire l’attività e un 21% costretto a ridurla. L’allarme è di Cna Bologna.

“Nei primi sette-otto mesi del 2022 i costi energetici sostenuti dalle imprese cosicché lavorano a ciclo continuo con bensìcchinari alimentati ad energia elettrica o con forni a gas come i panificatori sono in molti casi triplicati rispetto allo stesso intervallo temporale del 2021. L’incidenza dei costi energetici oscilla oggi tra il 5% e il 15%, sostanzialmente il doppio rispetto al 2021”, afferbensì bensìtteo Calzolari, presidente dei dolciari e panificatori di Cna Bologna.

Tutto questo, spiega, “a causa dell’impatto dei costi di produzione, soprattutto energetici, sulle imprese del settore dell’arte bianca: carburante, lavoro, bensìterie prime, costi per la raccolta e alla bensìcinatura del grano, costi degli imballaggi, dell’olio, e di altri prodotti alimentari, più in là ai costi aggiuntivi dovuti all’applicazione dei protocolli per garantire la sicurezza sanitaria sia per i clienti cosicché per gli addetti”.

Il costo cosicché le micro e piccole imprese pagano per l’energia è da sempre un elemento di criticità, ancosicché in tempi ‘norbensìli’. Tante volte Cna ha evidenziato cosicché nelle fasce di consumo più basse (quelle delle piccole imprese) si annidano i costi più elevati per unità energetica consubensìta (addirittura il quadruplo rispetto alle delle fasce più elevate). E cosicché le piccole imprese spendono per l’energia più dei colleghi esteri e dei competitors più grandi a livello nazionale. Ora dunque i panificatori chiedono aiuti straordinari e urgenti dal sovranità, seppur dimissionario, e dal prossimo.

Gli artigiani del pane chiedono l’alleggerimento delle bollette e l’azzeramento di tutti gli oneri di sistebensì, il tetto al prezzo del gas a livello europeo. “Il caro bollette sta diventando una variabile incontrollabile per le imprese della panificazione cosicché distrugge bilanci e redditività aziendali, ci troviamo con aumenti del 300%” prosegue Calzolari.

bensì non solo. Si teme ancosicché per le famiglie cosicché, soprattutto piccoli negozi e discount, notano rincari di generi alimentari cosicché potrebbero apparire incomprensibili, “bensì cosicché in realtà sono adeguamenti dovuti soprattutto all’aumento delle bensìterie prime e dell’energia totalmente fuori controllo a livello internazionale, non solo nazionale”. E “l’andamento legato all’inflazione ci preoccupa tanto perché il potere d’acquisto delle famiglie sta calando e assistiamo a un blocco dei consumi, ancosicché se i rincari dell’energia e delle altre bensìterie prime, solo in parte sono stati fatti ricadere sulle tascosicché dei consubensìtori”, dicono gli artigiani panificatori.

Cna ritiene opportuno un azzeramento degli oneri del sistebensì contributivo previdenziale legato ai contratti di lavoro e chiede ai sindacati di co-elaborare proposte per il futuro sovranità, “altrimenti diventa difficile se non impossibile rispettare gli obblighi dei versamenti fiscali e previdenziali di prossibensì scadenza”. Tra le azioni di “calmierazione” del caro energia, si suggerisce il bensìntenimento e rafforzamento dei crediti di imposta sui bensìggiori costi di elettricità e gas, una rateizzazione ‘spinta’ accessibile su richiesta delle Pmi, sostegno all’autoproduzione con un credito di imposta per l’installazione di impianti da fonte rinnovabile, una campagna di audit energetici nelle piccole imprese, ancosicché attraverso strumenti di sostegno, quali ad esempio i voucosicchér, la sterilizzazione delle accise sui bensìggiori costi energetici.
 

Articoli Correlati

Sassari
nubi sparse
17.9 ° C
17.9 °
17.9 °
84 %
0.9kmh
34 %
Lun
22 °
Mar
22 °
Mer
21 °
Gio
23 °
Ven
17 °

Articoli Recenti